Smart Cities – IUAV CAMP 2013

smartcities1La V edizione di IUAV CAMP è dedicata al tema delle smart cities e delle possibilità offerte dalle nuove tecnologie e processi organizzativi delle città ai professionisti, agli architetti, ai designer e agli urbanisti. Un modo diverso di concepire lo spazio urbano che utilizza il meglio del digitale e lo plasma nel quotidiano. L’incontro, nell’ambito di Scenari Digitali, vedrà la partecipazione di ospiti e interventi di studenti del corso. Il programma, ovviamente provvisorio perché è un barcamp, è il seguente:  

  • L’urbanista 2.0 e la città vivibile – Maurizio Galluzzo
  • Pandora e le altre: edifici intelligenti nel lavoro che cambia – Stefano Alonzi
  • L’idea che diventa realtà – Gabriella Parmesan Startup Manager e tutor d’impresa  in Vega Park
  • UNISKY. Lo Spin-off universitario di IUAV – Stefano Picchio
  • Smart Cities – Michele Vianello Direttore Generale di Vega Park

Materiali dell’incontro

Stefano Alonzi

Stefano Picchio

sky_02

NT8contras5

Michele Vianello

Libro consigliato da Michele Vianello: Mitchell J. William – La città dei bits. Spazi, luoghi e autostrade informatiche

 

Immagini dell’incontro

Img_4197 Img_4198 Img_4199 Img_4200 Img_4201 Img_4202 Img_4204 Img_4208 Img_4209 Img_4210

 

L’incontro si è tenuto Terrà a Venezia – IUAV – Convento delle Terese il 29.05.2013 – Aula B

Img_4177

Img_4178

02

Michele Vianello è autore del recentissimo libro Smart Cities edito da Maggioli per la collana Pionero diretta da Gigi Cogo.

Dalla prefazione: “Internet sta cambiando le nostre città, innovando in modo dirompente ormai ogni ambito dell’organizzazione e della vita cittadina. Tuttavia le Governance locali e le persone non ne sono del tutto consapevoli e subiscono l’innovazione piuttosto che trarne tutti i benefici economici e sociali che questa offre. Dietro il termine smart cities, che pure qui utilizziamo, si nasconde quasi sempre un’idea di innovazione come digitalizzazione dell’esistente, incentrata più sulla quantità di software e di hardware che sul ruolo di chi li usa e di chi abita la città. Oggi è invece necessario ridefinire la “cittadinanza” negli ambienti urbani e mettere le persone, meglio i city user, al centro del processo di cambiamento. Tra lavoratori “nomadi” e “oggetti parlanti”, il libro narra proprio l’innovazione della città sospinta dall’uso di Internet, offrendo una panoramica degli scenari che si stanno prefigurando grazie all’esplosione del social networking, del cloud computing, di Internet of Things, dei device mobili.”.

Sempre di Vianello vale la pena leggere anche Ve 2.0. Cittadini e libertà di accesso alla rete edito da Marsilio.

Questa voce è stata pubblicata in Architettura, Conferenze, società, università, urbanistica e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.